UN CALCIO AL RAZZISMO è un percorso gratuito, interattivo e modulare, pensato per aiutare le studentesse e gli studenti a prendere più consapevolezza degli atteggiamenti negativi e discriminatori.

Il progetto è attivo dal 20 dicembre 2023 al 13 maggio 2024 e offre:

Incontri interattivi in classe

Incontri interattivi in classe

Quattro moduli completi per affrontare temi come Razzismo, Pregiudizio e Stereotipo, Discriminazione, Disabilità e Inclusione.

Il game educativo ESSERE O NON ESSERE

Il game educativo ESSERE O NON ESSERE

Il gioco propone alle ragazze, ai ragazzi e alle famiglie una forma di apprendimento basata sul gaming per allenare il pensiero non discriminatorio, a scuola come a casa.

L’iniziativa che premia le scuole

L’iniziativa che premia le scuole

Le classi che intraprendono il percorso educativo possono essere estratte e accumulare punti per provare ad aggiudicarsi buoni spesa in materiale didattico.

UN CALCIO AL RAZZISMO PREMIA LE SCUOLE_

Registrandosi gratuitamente e partecipando all’iniziativa, le classi possono aggiudicarsi un bonus a estrazione. In più, facendo squadra con le famiglie, possono accumulare punti e scalare la classifica finale che premierà le scuole più attive.

Vuoi essere dei nostri? Inizia da qui

Game educativo

Porta in classe i 4 incontri, il game educativo ESSERE O NON ESSERE e prova a vincere i premi per le scuole.

Game educativo

Gioca da casa con il game educativo ESSERE O NON ESSERE e sostieni la scuola aiutandola a vincere.

Juventus goals for education

UN IMPEGNO CHE SI RINNOVA

Juventus è da anni in prima linea nella lotta contro ogni forma di discriminazione sociale e territoriale, razzismo, xenofobia e violenza, in campo come fuori. Attraverso Juventus Goals for Education, il Club si impegna a sostenere la diffusione di attività su tre pilastri che rappresentano le aree di maggior impatto sociale per una football company: il gioco, l’educazione e l’inclusione delle diversità.

SENZA BARRIERE

Juventus ha inserito in questo sito web uno strumento di “accessibilità” che consente a tutte le persone di poter adattare i contenuti online ai propri bisogni rispondendo a molti tipi di disabilità. Cliccando sul bollino con l’icona di una persona si può scegliere un profilo, regolare i testi, i colori e la navigazione per un’esperienza più facile possibile.